giovedì 24 marzo 2016

Giocolieri di parole

Succede che - per una serie di motivi e circostanze che non è più di tanto interessante citare in questa sede - abbia deciso di partecipare ad un laboratorio di scrittura (ri)creativa.
Grazie alla bravura del conduttore, si sta rivelando estremamente divertente: un momento di cazzeggio creativo che permette, ogni due settimane, di dimenticarsi della routine e delle rotture per lanciarsi in spassosi esercizi di stile.

Riporto di seguito la biografia immaginaria di un altrettanto immaginario scrittore, materializzatosi dall'anagramma delle lettere che compongono i miei nome e cognome.

* * *   
ÌSINGOR NAICÀSIMOV
Nasce a Nižnij Novgorod (Russia) nel 1963. 
Giovanissimo, fonda il collettivo di scrittori dissidenti dei cosiddetti "culi inquieti", scelta che gli vale l'avversione del regime, tre costole rotte e una condanna ai lavori forzati nella steppa siberiana. 
Nel lungo e freddo esilio che ne consegue, trova il tempo per scrivere il romanzo autobiografico Ma chi cazzo me l'ha fatto fare, Leonid Brežnev?, dal quale ricava fama immediata e un'ulteriore condanna. 
Oggi vive con la famiglia a Mosca, dove si dedica alla composizione di necrologi di ex agenti segreti sovietici.

Nessun commento:

Posta un commento