venerdì 21 novembre 2014

Outras minucias


Radio Baltica
Luar na lubre - Chove en Santiago


Mi sembra una grave mancanza non aver ancora parlato della protagonista della maggior parte dei giorni e delle notti compostelani: la pioggia. Intendiamoci: la Galicia soffre l’ingiusto luogo comune di essere una terra di pioggia incessante, con pochissimi giorni di sole all’anno. Il che è un po’ una cagata – perché dipende da ciascun anno, perché in estate non piove molto, ecc – ma sicuramente dietro questo topico c’è del vero. In particolare se parliamo di Santiago, che presenta un microclima proprio che la rende particolarmente piovosa. Inutile dire che la pioggia e gli stati d’animo che questa provoca hanno ispirato ed ispirano romanzi, poesie e canzoni. In effetti, l’onnipresente granito della città vecchia di Compostela (come di qualsiasi città o paese galaici), acquista un aspetto tutto diverso, bagnato dalla pioggia e sotto il cielo di piombo. E di notte, poi, si aggiungono i mille riflessi delle luci dei lampioni. L’atmosfera surreale che avvolge questa città non sarebbe la stessa, senza pioggia.

Il granito, si diceva. Abbonda in questa terra geologicamente anziana, dove millenni su millenni di erosione fanno emergere la roccia in superficie. E la rendono materiale da costruzione onnipresente, ubiquo, praticamente eterno. Non solo per case e monumenti, ma anche per recintare i campi, per sostenere i tralci di vite, per segnalare i crocicchi con i cruceiros, colonne sormontate da una croce scolpita. Inutile dire che in passato i canteiros (gli artigiani scultori) erano una categoria sociale rispettata e potente, in virtù dei loro compiti di custodire e tramandare il loro indispensabile sapere. Circolano anche storie secondo cui – per vendicarsi di pagamenti inferiori alle somme pattuite, o per pestare i piedi all’autorità ecclesiastica – i canteiros riempirono chiese ed edifici sacri di immagini oscene o appartenenti alla mitologia pagana. Il tipico humor gallego deve avere radici antiche.

Per finire una nota a margine. Proprio a causa della presenza del granito, in Galicia si registra un livello di radioattività naturale tra i più alti al mondo. E forse questo dato spiega alcune delle peculiarità di questa terra peculiare ;)

Nessun commento:

Posta un commento